Passa ai contenuti principali

Diario delle vacanze 9 - Paestum, Salerno


Per quest'anno, non cambiare
Stessa spiaggia stesso mare..

Siamo tornati a Salerno, al Camping La Riva, dove lo scorso anno ci siamo trovati così bene da decidere di ripetere l'esperienza. Quest'estate, tra emergenza incendi e mare grosso, non ci è andata troppo liscia.
Il mare grosso ci sta, capita. Dopo un temporale notturno (che ha rinfrescato l'aria e ci voleva, eccome!), il mare era così agitato da non consentire la balneazione per due giorni. Peccato che per noi fossero gli ultimi tre giorni di permanenza al camping. Diciamo che la vacanza è finita maluccio , ma è cominciata peggio!
Il nostro arrivo, infatti, è stato accolto da una giornata ventosissima ma il peggio è accaduto il giorno seguente. Tutta la zona di Capaccio, Agropoli e dintorni è stata assediata dalle fiamme di incendi che, alimentati dal vento, pareva non si riuscisse a dominare.
Uno di quegli incendi raggiunse anche la nostra zona. Le fiamme erano visibili tanto erano vicine. Un mostro di fumo nero con le sue lingue di fuoco che minacciava di inghiottire tutto sul proprio cammino. Una nube di fumo denso, carico di fuliggine, avvolse l'intero campeggio, rendendo l'aria irrespirabile e costringendo tutti, noi compresi, ad evacuare.
Per fortuna ci siamo messi in strada a scaglioni e, sebbene la situazione fosse abbastanza drammatica, senza eccessi di panico. Ciò ha reso l'allontanamento tranquillo.
Buona parte dei villeggianti accostò lungo la strada, a pochi chilometri dal campeggio. Noi decidemmo di spostarci fino al lungomare di Agropoli (soprattutto per tranquillizzare le mie Pesti, parecchio in ansia!), trovando rifugio in uno degli stabilimenti balneari.
Soltanto in tardo pomeriggio, dopo che l'incessante opera dei Canadair e dei vigili del fuoco era riuscita nell'impresa di spegnere quel rogo, potemmo fare ritorno al campeggio, uscito illeso.
Il giorno seguente altri roghi erano visibili dalla spiaggia, che devastavano le montagne intorno.
Un vero disastro...
L'uomo non dovrebbe disperarsi quando poi la Natura presenta il conto, perché buona parte di ciò che accade è solo e soltanto una restituzione di quanto abbiamo dato.

Per il resto..
La vacanza è andata bene.
Nonostante il mare mosso, il vento, l'invasione di meduse.. è andata bene.
Ci siamo divertiti con l'animazione della MOVIDA IN TOUR, con Artemisio, Federica, Celeste e Stefano, sostituito poi da Pierpaolo.
A loro una tiratina d'orecchi va fatta, più che altro per una mancanza di puntualità. Tuttavia, sono stati bravi, si sono impegnati e, malgrado qualche piccola pecca, ce l'hanno messa tutta. Cinque ragazzi molto affabili, socievoli e a modo. Per cui un grande GRAZIE ci sta tutto! 


E adesso.. qualche scatto:



Canadair in lotta contro fiamme e vento

Giornata senza sole

Una piccola medusa



Io gialla. Peste Piccola.. blu. Ha vinto lui.


Visuale dal mio lettino


Lungo viale verso il mare

Due esperti sub




Relax


Il fiume


Farlo volare non era per niente semplice


Movida in Tour

Mare mosso



Ultima alba al mare


Dillina inquietante


Ottimo cibo


Deliziosa Caprese


Zeppol 'e panzarott' ... dieta dimenticata!





Commenti

Post popolari in questo blog

Anime... del cuore - Lamù, la ragazza dello spazio

Ed eccomi qui con la "seconda uscita". Vorrei chiarire che l'ordine è assolutamente casuale. Tutti gli anime di cui tratto sono pari merito. Non è una classifica ^^ ..ognuno di loro mi è rimasto nel cuore, perché ha rappresentato o è stato associato, in quel momento della mia vita, a qualcosa d'importante. Importante in misura all'età che avevo e, ripensandoci ora.. era importante davvero!

Lamù, la ragazza dello spazio

Lamù, la ragazza dello spazio, è un anime tratto dal manga di Rumiko Takahashi, il cui titolo originale è Urusei Yatsura, e fu trasmesso in Italia, per la prima volta, nel 1983. Ambientato in un distretto immaginario di Tokio, narra vicende e peripezie di un gruppo di liceali, tra i quali spicca - certo non per intelligenza! - Ataru Moroboshi. Il giovane, stupido quanto indomabile donnaiolo, si ritrova ad essere prescelto come salvatore della Terra dalla conquista aliena da parte degli Oni. Il giovane, a tal fine, deve superare una prova che consist…

Anime.. del cuore - Occhi di gatto

Ed eccomi qui con un nuovo appuntamento con la mia mini rubrica. Tra una finale olimpica, uno scatolone e le valigie, sono riuscita a pubblicare il mio ultimo post pre vacanza! L'anime del cuore di oggi è.. Occhi di gatto!

Occhi di gatto

L'anime, il cui titolo originale è Cat's Eye, è l'adattamento dell'omonimo manga giapponese di Tsukasa Hojo, e trasmesso dell'emittente italiana nel 1985. Occhi di gatto, ambientato a Tokio,è la storia di tre giovani donne, le sorelle Tashikel, dalla doppia identità. Le tre ragazze, dall'aria apparentemente comune, di giorno gestiscono una caffetteria dal nome 'Cat's Eye' e di notte, indossate le loro aderenti calzamaglie colorate, diventano tre abili ladre che formano una banda che si fa chiamare, appunto, 'Occhi di gatto', il cui unico scopo è rubare tutte le opere d'arte di un famoso artista, Michael Heintz. L'uomo, scomparso negli anni '40, altri non è che il loro amato papà e le ragazze, …

Anime.. del cuore - Lady Oscar

Da qualche giorno sto guardando Lady Oscar su Italia1.. ed è per me un tuffo nel passato. Un piacevolissimo quanto nostalgico tuffo nel passato. Ad ogni episodio mi viene il magone con tanto di lacrimone, giuro! Stamane ho cominciato a ricordare i bellissimi anime di quei tempi, dei veri capolavori indimenticabili con i quali è cresciuta la mia generazione, e mi ha stuzzicato l'idea di rievocare quelli che mi sono rimasti dentro. Quelli che, ricordandoli oggi che sono adulta, riescono ad emozionarmi probabilmente più di quanto avessero il potere di fare a quei tempi. Avevo pensato di elencarli tutti ma temo che inserirli in un unico post si riveli un po' troppo lungo, per cui questa sarà una sorta di.. mini rubrica. Ed eccolo qui, il primo anime.. del mio cuore <3

Lady Oscar
L'anime, trasmesso per la prima volta in Italia del 1982, è tratto dall'omonimo manga di Riyoco Ikeda il cui titolo originale è Versailles no Bara. (La Rosa di Versailles, manga che intendo legg…