martedì 27 gennaio 2015

Animals - Maroon 5





Baby, I'm preying on you tonight
Hunt you down eat you alive
Just like animals, animals, like animals-mals

Maybe you think that you can hide
I can smell your scent from miles
Just like animals, animals, like animals-mals
Baby, I'm

So what you trying to do to me
It's like we can't stop we're enemies
But we get along when I'm inside you
You're like a drug that's killing me
I cut you out entirely
But I get so high when I'm inside you

Yeah, you can start over, you can run free
You can find other fish in the sea
You can pretend it's meant to be
But you can't stay away from me
I can still hear you making that sound
Taking me down, rolling on the ground
You can pretend that it was me
But no

Baby, I'm preying on you tonight
Hunt you down eat you alive
Just like animals, animals, like animals-mals

Maybe you think that you can hide
I can smell your scent from miles
Just like animals, animals, like animals-mals
Baby, I'm

So if I run it's not enough
You're still in my head forever stuck
So you can do what you wanna do
I love your lies, I'll eat 'em up
But don't deny the animal
That comes alive when I'm inside you

Yeah, you can start over you can run free
You can find other fish in the sea
You can pretend it's meant to be
But you can't stay away from me
I can still hear you making that sound
Taking me down rolling on the ground
You can pretend that it was me
But no

Baby, I'm preying on you tonight
Hunt you down eat you alive
Just like animals, animals, like animals-mals

Maybe you think that you can hide
I can smell your scent from miles
Just like animals, animals, like animals-mals
Baby, I'm

Don't tell no lie-lie-lie-lie
You can't deny-ny-ny-ny
The beast inside-side-side-side
Yeah, yeah, yeah

No, girl, don't lie-lie-lie-lie
You can't deny-ny-ny-ny
The beast inside-side-side-side
Yeah, yeah, yeah

Yo...
Whoa...
Whoa...
Just like animals, animals, like animals-mals
Just like animals (yeah...), animals (yeah...), like animals-mals (yeah...)
Ow

Baby, I'm preying on you tonight
Hunt you down eat you alive
Just like animals, animals, like animals-mals

Maybe you think that you can hide
I can smell your scent from miles
Just like animals, animals, like animals-mals
Baby, I'm

Don't tell no lie-lie-lie-lie
You can't deny-ny-ny-ny
That beast inside-side-side-side
Yeah, yeah, yeah

No, girl, don't lie-lie-lie-lie
You can't deny-ny-ny-ny
That beast inside-side-side-side
Yeah, yeah, yeah

mercoledì 21 gennaio 2015

Perle dai libri #61

La guardavo, come avevo sempre fatto.
I pensieri erano scivolosi e sfuggenti, piste lievi nel vento ghiacciato, troppo lontani perché riuscissi ad afferrarli.
Rimase seduta vicina all'altalena, appena fuori dal bosco, rannicchiata su se stessa, fino a quando il freddo non la fece tremare, e ancora non si mosse. A lungo non seppi che cosa stava facendo.
La guardavo. Una parte di me voleva andare da lei, ma l'istinto mi dissuadeva. Il desiderio accese un pensiero, che a sua volta accese il ricordo del bosco dorato, giorni che mi fluttuavano attorno e che cadevano, giorni che giacevano immobili e accartocciati a terra.
Ma in quel momento capii che cosa faceva lì, ripiegata su se stessa, scossa dal freddo brutale. Stava aspettando, aspettava che il freddo le facesse venire gli spasmi e la trasformasse. Forse quel profumo sconosciuto che emanava da lei era speranza.
Aspettava di cambiare, io aspettavo di cambiare, ed entrambi volevamo ciò che non potevamo avere.
Alla fine, la notte strisciò su tutto il cortile, allungando le ombre, trascinandole fuori dalla boscaglia, fino a che il mondo intero non ne fu ricoperto.
La guardavo.
La porta si aprì. Indietreggiai nel buio. Un uomo uscì e raccolse la ragazza da terra. La luce della casa scintillava sulle strisce ghiacciate che le rigavano il volto.
La guardavo. I pensieri, distanti, fuggirono con la sua assenza. Quando scomparve dentro casa, rimase solo questo: desiderio e rimpianto.



Shiver - The Wolves of Mercy Falls #1
Maggie Stiefvater




Giudizio: 😊💓

martedì 20 gennaio 2015

Perle dai libri #60


Quella stessa notte, mi risparmio il giro delle discoteche con gli amici. Dee e io ordiniamo cibo cinese da asporto e passiamo la sera a scopare come conigli in ogni stanza del mio appartamento.
Non riuscirò mai più a guardare il tavolo da biliardo come prima. Poi andiamo a letto e lì crollo addormentato.. finché un fruscio di abiti e un rumore di passi mi svegliano nel cuore della notte. Spalanco gli occhi e non vedo più Dee accanto a me: è in giro per la stanza che cerca i suoi vestiti e, una volta trovati, se li infila in tutta fretta.
«Dee, stai bene?».
Ha una voce sveglia e tesa. «Sì, sto bene. Torna a dormire, Matthew».
Con gli occhi impastati, guardo la sveglia: sono le tre del mattino. «Che cosa stai facendo?»
«Vado a casa».
Cerco di tirarmi su per mettermi seduto e di schiarirmi la mente. «Perché io vivo lì, ricordi?».
Non ho idea di cosa l'abbia resa così irritabile mentre dormivo, ma sono troppo stanco per mettermi a discutere. Scosto le coperte. «Va bene. Dammi un minuto e ti accompagno».
Lei cerca qualcosa per terra e poi recupera la borsa in un angolo. «Non ti preoccupare. Prenderò un taxi».
Mi rendo conto di avere poco tempo, così infilo un paio di pantaloni della tuta e la maglietta che era volata sul comodino quando me l'ero sfilata. «E allora ti accompagno in taxi».
Dolores si ferma e mi lancia un'occhiata severa. «Potrebbe sembrarti incredibile, ma sono capace di andare a casa da sola, grazie tante».
«Maledizione, sono le tre del mattino, Dolores».
Fa spallucce. «Questo non mi sembra un quartiere pericoloso».
«E' Manhattan, qualunque quartiere può essere pericoloso».
Non controbatte. E non mi aspetta. Afferro le snakers e a malapena ricordo di prendere le chiavi prima di correrle dietro. Del tutto sveglio ormai, mi infilo le scarpe mentre sono in ascensore.
«Dunque, sei incazzata con me per qualche ragione in particolare, oppure è più una reazione del tipo "tutti gli uomini fanno schifo"?».
Incrocia le braccia al petto. «Non sono incazzata».
Tradotto? Sei uno stronzo, ma devi capire da solo il motivo, perché io non te lo dirò.
Usciamo dal portone. Saluto con la mano il portiere e chiamo un taxi. Dee procede spedita, in silenzio. Cerco di evitare il suo sguardo - il modo più rapido di essere attaccati alla gola da un cane rabbioso è guardarlo dritto negli occhi.


Io ti cercherò
Emma Chase




Giudizio: 😊

venerdì 9 gennaio 2015

Bailando - Enrique Iglesias ft. Descremer Buena, Gente De Zona







Yo te miro, se me corta la respiración 
Cuanto tu me miras se me sube el corazón 
(Me palpita lento el corazon) 
Y en silencio tu mirada dice mil palabras 
La noche en la que te suplico que no salga el sol 
(Bailando, bailando, bailando, bailando) 
Tu cuerpo y el mio llenando el vacío 
Subiendo y bajando (subiendo y bajando) 
(Bailando, bailando, bailando, bailando) 
Ese fuego por dentro me esta enloqueciendo 
Me va saturando 

Con tu física y tu química también tu anatomía 
La cerveza y el tequila y tu boca con la mía 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Con esta melodía, tu color, tu fantasía 
Con tu filosofía mi cabeza esta vacía 
Y ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 

Yo quiero estar contigo, vivir contigo 
Bailar contigo, tener contigo 
Una noche loca (una noche loca) 
Ay besar tu boca (y besar tu boca) 
Yo quiero estar contigo, vivir contigo 
Bailar contigo, tener contigo una noche loca 
Con tremenda loca 
(Ooooh, ooooh, ooooh, ooooh) 

Tu me miras y me llevas a otra dimensión 
(Estoy en otra dimensión) 
Tu latidos aceleran a mi corazón 
(Tu latidos aceleran a mi corazón) 
Que ironía del destino no poder tocarte 
Abrazarte y sentir la magia de tu olor 

(Bailando, bailando, bailando, bailando) 
Tu cuerpo y el mio llenando el vacío 
Subiendo y bajando (subiendo y bajando)
(Bailando, bailando, bailando, bailando) 
Ese fuego por dentro me esta enloqueciendo 
Me va saturando 

Con tu física y tu química también tu anatomía 
La cerveza y el tequila y tu boca con la mía 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Con esta melodía, tu color, tu fantasía 
Con tu filosofía mi cabeza esta vacía 
Y ya no puedo mas (ya no puedo mas) 
Ya no puedo mas (ya no puedo mas) 

Yo quiero estar contigo, vivir contigo 
Bailar contigo, tener contigo 
Una noche loca (una noche loca) 
Ay besar tu boca (y besar tu boca) 
Yo quiero estar contigo, vivir contigo 
Bailar contigo, tener contigo una noche loca 
Con tremenda loca 

(Ooooh, ooooh, ooooh, ooooh 
Ooooh, ooooh, ooooh, ooooh 
Ooooh bailando amor ooooh 
Bailando amor ooooh es que se me va el dolor 
Ooooh).



giovedì 8 gennaio 2015

Perle dai libri #59


Mentre lui è impegnato con le verdure, preparo la tavola. In questo periodo dell'anno tiro fuori la porcellana più bella, i bicchieri di cristallo, le posate placcate argento che si impolverano durante il resto dell'anno e devono essere pulite per bene prima dell'uso. Piego i tovaglioli rossi a ventaglio. Ogni bicchiere è decorato con un nastro d'argento con delle stelline. Quando Buster entra a vedere cosa succede, gli sistemo un bel fiocco d'argento sul collare. Ora ha un aspetto natalizio anche lui, e se ne va soddisfatto.
Quando ho finito, prendo un regalo da sotto l'albero. Ho comprato a Tom due camicie, ma una gli basterà. Di sopra, stacco l'etichetta col nome dal pacchetto e la sostituisco con un'altra dove ho scritto "Per Merak", poi la rimetto sotto l'albero. Siccome Rick gli ha dato un bel bonus per Natale, non avevo previsto altri regali per lui, ma ora mi sembra meschino. Voglio che abbia qualcosa da scartare, oggi, e che non si senta escluso.
Torno in cucina, e vedo che Merak è quasi sepolto sotto una montagna di verdure pelate.
«Stai facendo un ottimo lavoro, caro».
«Grazie, Juliet».
«Mettiamo un po' di musica natalizia, ci darà la carica». Così Merak e io, fianco a fianco, peliamo un altro sacco di patate, cantando entrambi sulle note di Last Christmas degli Wham.


Un regalo inaspettato
Carole Matthews





Giudizio: 😊💙