Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Perle dai libri #68

«Giles», mormorai una mattina che eravamo rimasti soli per un attimo, «ti ha detto nulla del fatto che andrai via con lei?» «Flo», mi boicottò lui, «adesso che hai provato che cosa vuol dire non avere l’uso di una gamba, che cosa preferiresti: che te ne amputassero una o che ti cavassero un occhio?» Come facevo a rispondere a una domanda del genere? Ero in difficoltà perché non riuscivo ad escogitare un modo per far entrare in casa Theo e mettere in pratica il mio piano. Tutta quanta l’impresa appariva disperata, perché la signorina Taylor l’aveva completamente bandito da Blithe. Così rimasi sorpresa quando, il terzo mattino della mia convalescenza, guardando fuori dalla finestra del salotto, vidi in fondo al viale una figura familiare che aironava verso casa. Un attimo dopo la signora Grouse lo accompagnò da me. «Theo», ansimai nel momento stesso in cui fummo soli, «come hai aggirato il suo divieto?» «Facendo appello ad un’autorità superiore», sussurrò lui, perché io mi ero portata …

Trionfo italiano al MotoGP 2015

Che spettacolo!! *_*

La stagione 2015 del campionato di MotoGP parte alla stragrande per i piloti italiani. L'avvio in Qatar, sul circuito di Losail. è stato veramente uno spettacolo. Un gara combattuta, dove Valentino Rossi è partito male e ha dovuto rimontare. Dovizioso è partito in pole position ed è stato bravissimo a gestire il proprio vantaggio trovandosi a difendere la posizione da un Lorenzo combattivo che non ne voleva sapere di mollare la presa. Alla fine Andrea Dovizioso e la sua Ducati l'hanno spuntata. Nel mentre, Valentino in sella alla sua Yamaha (un binomio decisamente in forma perfetta!), risaliva di posizione in posizione fino a ritrovarsi a fare capolino nello specchietto retrovisore della Ducati di testa. Quella tra i due italiani è stata una battaglia pulita, ma senza esclusioni di colpi. Il Dovi con la sua Ducati in rettilineo andava come un razzo (i piloti hanno toccato i 350 km/h in rettilineo!! O_O), tuttavia non è bastato a tener dietro il NOVE volte…

Not Found

Questa settimana, i giudici di Italia's Got Talent sono stati taccagnetti e non hanno assegnato il Golden Buzzer. Non che ci fosse questa gran scelta di talenti, eh.. Comunque, se avessi dovuto assegnarlo io il Golden, lo avrei dato a loro. Mi piace molto come hanno ballato, sfruttando la vasca da bagno in una maniera sicuramente meno congeniale all'uso che ne facciamo noialtri. ^_^

Bravi, belli, originali.
Vedremo cosa proporranno la prossima volta, perché son passati con quattro sì.






Under Control

Quella sorta di gioco e lotta in acqua aveva finito per legarli insieme, contro le mattonelle lisce e fresche della piscina. Rimasero immobili, i corpi caldi vicini, i muscoli tesi, come se quel contatto non fosse abbastanza, anelanti a qualcosa di più intimo, che oltrepassasse la pelle e poi la carne, per fonderli in un solo essere. I respiri ansanti danzavano davanti alle bocche che si sfioravano, tormentando le rispettive labbra in un richiamo carnale che nessuno dei due avrebbe potuto ignorare troppo a lungo. L’acqua tiepida gli lambiva la base del collo, solleticando la nuca come dita invisibili. Ma era la profondità e l’intensità di quelle iridi spietatamente belle, dal colore del miele caldo, a fargli correre una scia di brividi bollenti lungo la schiena, rendendolo totalmente incapace di distogliere lo sguardo, come fosse suo prigioniero.  E, in un certo senso, lo era. Il ritmo incalzante della musica rimbalzava da una parete all’altra, diffondendosi a volume elevato, scandendo i…

Uhmmmmmmmmmmm

Loro, i Vanity Crew, si beccano il secondo Golden Buzz.
Cosa ne penso? Uhmmmmm...
Insomma, non sono male, eh. Anzi.. sono stati bravi. Esibirsi su quei tacchi a spillo vertiginosi è già di per sé un talento, a mio modesto parere. Hanno ballato bene, accurati sia nella coreografia che nell'aspetto, trasmettendo energia e divertendo.
Lo sentite anche voi un 'ma'sospeso? Già.
Mi sono piaciuti, MA non mi hanno fatto venire i brividini come ha fatto Cisky, la settimana scorsa.
Tutto qui. ^_^

Comunque BRAVI.




Perle dai film - Il matrimonio del mio miglior amico

"Allora viene verso di te, con il passo agile di un felino... e benché tu, a ragione, intuisca che è... gay... come la maggior parte degli scapoli di sconvolgente bellezza della sua età, ti dici: "Ma che Diavolo... la vita continua. Forse non ci sarà matrimonio, forse non ci sarà sesso... ma per dinci, ci sarà almeno il ballo!"




Io e te non ... nelle storie che abbiamo avuto con altri, non usavamo spesso le parole "ti amo", non è vero? 

... no.

Kim dice che se ami qualcuno.. devi dirglielo. Devi dirglielo subito e forte, altrimenti.. poi il momento..

..poi il momento passa.

Poi il momento passa... sì.



Il matrimonio del mio miglior amico
Film commedia


In questa scena
Dermort Mulroney (Michael O'Neal)
Julia Roberts (Julianne Potter)


Colonna sonora







Perle dai libri #67

Brady parcheggia dietro l’angolo alle dieci e cinque, attento a rifornire il parchimetro finché non scatta il segnale verde che indica il massimo della tariffa. In fondo è bastata una multa ad incastrare David Berkowitz, il «figlio di Sam». Recupera dal sedile posteriore una sportina di stoffa. Stampata su un lato, la pubblicità di una catena di supermercati e poco sotto la scritta: USAMI DI NUOVO! SALVA UN ALBERO! Dentro, la Trovata Due appoggiata sulla  scatola delle Mephisto. Gira l’angolo, superando ad ampie falcate l’agenzia Soames: un cittadino qualunque con una commissione mattutina da sbrigare. Ha un’aria calma, ma il cuore gli sta martellando nel petto come una trivella a vapore. Fuori non vede nessuno, e le porte sono chiuse, ma esiste comunque la possibilità che l’ex piedipiatti ciccione non sia con gli altri. Potrebbe essere nascosto in una stanza sul retro per controllare eventuali individui sospetti. Aspettando lui, insomma. Brady lo sa bene. «Chi non risica non rosica,…

Articolo 31 - Spirale ovale

Guardarti accende un desiderio incontenibile  come le gocce sul bicchiere quando ho sete ma  io non so quanto giusto sia  avvicinarmi e farti mia  e poi andare in birreria. 
Io non ti porto mai a fare passeggiate,  no, non ricordo anniversari e date  dormo a metà le mie giornate.  La vita quotidiana la improvviso sulla scena,  mi annoio a morte se mi porti  con i tuoi fuori per cena.  Non mi emoziono sugli yacht.  Io colleziono Dylan Dog  E...
Mi piace farlo nei posti più disparati,  stare fumati a guardare cartoni animati.  Fermarsi in un motel sulla via per la festa  e li spalmarmi di sangria  a mo di gel sulla cresta.  Raccontarti ogni mio vizio segreto  poi voglio portarti dove non esiste divieto  e le emozioni che senti creano vortici immensi  è la spirare ovale dei sensi  se pensi  di prendermi così  ti porterò a ballare dove potrai gridare  saremo io e te nella spirale ovale.  Lì, lì ti potrò mostrare cosa vuol dire osare  saremo vivi e nudi  nella spirale ovale. 
Guardarti ac…

Chapeau

Io l'ho trovato assolutamente grandioso. Non solo mi ha affascinata il modo in cui il suo corpo si snoda. In certi momenti si muove con una fluidità che trasmette un senso di armonia perfetta con la musica. Bellissimo. E poi... è un personaggio!!! ^_^
Notate le facce. Le espressioni perplesse del pubblico, prima ancora che dei giudici, quando Cisky si è presentato. Questo ragazzo è  l'incarnazione di l'apparenza inganna.
Nessuno ci avrebbe puntato un soldo.
E invece... ovazione!

Come tipo di danza è? Come la chiameresti?
Non la chiamerei.

Per me ha meritato alla grande l'accesso diretto alle semifinali.

(Ps: LA "cazzimma" .. al femminile ;) )


Perle dai film - Matrix

"Improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi: tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate. Vi insediate in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate finché ogni risorsa naturale non si esaurisce. E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga. E noi siamo la cura."








Ti interessa sapere di che si tratta? Che cos'è? Matrix è ovunque. È intorno a noi. Anche adesso, nella stanza in cui siamo. È quello che vedi quando ti affacci alla finestra, o quando accendi il televisore. L'avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando paghi le tasse. È il mondo che ti è stato messo davanti agli occhi per nasconderti…

Perle dai libri #66

Andò al guardaroba e aprì la porta. «Non darmi più consigli» sbottò. Della Lee sfogliava uno dei vecchi taccuini della sua scatola. Addosso aveva ancora quasi tutti, se non tutti, i vestiti.  I capelli qual giorno erano raccolti in uno chignon, tenuto precariamente al suo posto dal diadema. La donna alzò lo sguardo. « Che cosa?» «Ho detto, non darmi più consigli. Smettila di cercare di aiutarmi. In particolare non mi piacciono gli effetti del tuo piano.» «Perché?» «Perché Adam si comporta in modo strano» rispose Josey. «Se non mi avessi incoraggiata ad uscire venerdì sera, io non l’avrei mai visto al festival e.. e non l’avrei scioccato.» «L’hai toccato in modo sconveniente? Non ti ho mai detto di farlo.» «Ovvio che non l’ho toccato in modo sconveniente!» Della Lee chiuse il taccuino che stava leggendo, poi si grattò la fronte. Diventava ogni giorno più pallina, la pelle stava assumendo una trasparenza bianca e quasi rilucente. Forse si era ammalata dopo aver nuotato nel fiume in que…

Perle dai libri #65

Era una nuvolosa giornata di primavera che faceva pensare all'autunno, freddo e umido e grigio. Mentre aspettavano, Ronan decise di prendersi la responsabilità di insegnare ad Adam a guidare con il cambio manuale. Per un po' tutto parve andare bene, poiché la BMW aveva la frizione morbida, Ronan era conciso e puntuale nel dare istruzioni, e Adam era uno che imparava in fretta, dato che non aveva un ego troppo sviluppato che potesse essergli di intralcio. In un punto preciso di fianco all'edificio, Gansey e Noah si erano riuniti per guardare Adam che girava sempre più veloce nel parcheggio. Ogni tanto le loro urla filtravano dal finestrino aperto della BMW. E a un certo punto (doveva succedere, prima o poi) il motore si spense. Era una bestia magnifica, anche quando si fermò, con un sacco di rumore e spasmi che ne preannunciavano morte. Dal sedile del passeggero Ronan iniziò a insultare Adam. Un'infilata confusa di parolacce, tutti i possibili termini proibiti, spesso …